Manifestare per il clima è rivendicare il proprio futuro

L’emergenza climatica e gli allarmi della scienza, l’equilibrio tra giustizia sociale e giustizia ambientale sono temi così importanti e così urgenti che il vedere che di fatto è nato, partendo dai giovanissimi, un movimento che ha dimensioni di carattere mondiale è certamente un segnale da cogliere come portatore di un grande valore.

Non si tratta di una protesta solo marginale, ma è una questione che riguarda tutti, a partire da coloro che sono più impegnati, i giovanissimi appunto, i quali sono seriamente preoccupati del proprio futuro. Preoccupati, ma non angosciati perché ancora carichi di speranze ed entusiasmo.

Quello che ci chiedono questi ragazzi è uno sguardo nuovo, che ritroviamo anche nell’enciclica Laudato Si’ e che dobbiamo essere capaci di rendere processo culturale. Uno dei nodi fondamentali dell’enciclica di Papa Francesco è l’interconnessione di tutti gli aspetti della vita, da quelli sociali ed economici a quelli ambientali e legati alle scelte che si fanno.

Per questo gli allarmi della scienza devono essere tradotti in una visione diversa della presenza umana sul pianeta, che va oltre il paradigma tecnocratico e si compie in nuovi modi di produrre e in nuovi stili di vita, rispettosi del Creato che dobbiamo custodire.

Questo 27 settembre, questo Global strike for future, questo sciopero mondiale per il clima, non è una giornata di movimentismo fine a sé stessa, ma va colta come sollecitazione per dire nelle scuole, nelle piazze, nei luoghi di lavoro, che la conversione ecologica deve essere il primo punto di ogni agenda politica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...